MENU ×

Penna in buca. Una favola per Bea (Rubrica di Viviana Stiscia)

Penna in buca. Una favola per Bea (Rubrica di Viviana Stiscia)

In tempo di pandemia ci lasciamo confortare dalle favolette della buonanotte, in chiave filosofica, antiche come la notte e come il sentimento di cura per i piccoli. Il sentimento di fiducia è salvo. Ha trascorso la notte su uno scomodo divano. Lo adora, ma è troppo rigido ed incapace di accogliere le sue quattr’ossa ricurve che ora scricchiolano come le persiane attraverso....

Il mio primo giorno di scuola

Il mio primo giorno di scuola

In tempo di Covid e di Dad ci appelliamo alla memoria emotiva per ricordare che c'era una volta la scuola Ho conosciuto la scuola nel 1996. Avevo solo 29 anni e mancavo della più pallida idea di come affrontare il primo giorno da prof, dall’altro lato della cattedra. Facevo l’accompagnatore di anziani in una di quelle ditte che ti portano in giro con tariffe stracciate e poi cercano di....

La scuola non è una giostra chiusa

La scuola non è una giostra chiusa

La potenza dei numeri e la scuola diventata ostaggio della pandemia La pandemia è un fenomeno globale e su questo aspetto credo nessuno possa obiettare. Sanità ed economia sono i settori in cui gli effetti si sono dispiegati in maniera effettuale, con dati alla mano, raccolti progressivamente. Anzi in tutta l’area della tutela della salute pubblica la condotta della politica si è....

La malattia delle stazioni: portatori sani di viaggi in treno

La malattia delle stazioni: portatori sani di viaggi in treno

Perché le stazioni esercitano un grande fascino? Forse perché siamo stanziali anche se amiamo i sogni e tendiamo a fuggire dalla realtà.   Le stazioni popolano l’arte da sempre, praticamente da quando sono stati inventate le linee ferroviarie. Hanno un forte impatto visivo e stimolano l’immaginazione, soprattutto quando sono vuote e....

Pandemia e tendenze collettive. Noi e gli altri

Pandemia e tendenze collettive. Noi e gli altri

Il contro più grande della pandemia è l’incapacità di sollevarsi dalla routine di tutte le cose che non puoi fare, dei pensieri che non puoi non pensare, delle emozioni che devi soffocare, della rabbia che devi controllare Dal mese di Marzo tutto si è profondamente trasformato e dilatato a partire dalla dimensione materiale, delle cose che facciamo, ciò che i sociologi considerano i....

Carica altre notizie