MENU ×

La polarizzazione degli astani che si sono suicidati

La polarizzazione degli astani che si sono suicidati

I finti antifascisti e i finti fascisti popolano il web e fanno perdere tempo La polarizzazione a cui assistiamo ogni giorno sui social tra fascisti e antifascisti è interessante. I giornali di partito ci sguazzano perché possono soddisfare lo zoccolo duro dei loro lettori, lo zoccoletto nostalgico del vecchio modo di fare informazione, rimasto fedele all’acquisto del cartaceo nelle....

La grande attesa. Penna in buca. Rubrica a cura di Viviana Stiscia

La grande attesa. Penna in buca. Rubrica a cura di Viviana Stiscia

Nota della redazione Il racconto breve, qui di seguito pubblicato, fa parte di una piccola collana esito di un laboratorio di scrittura creativa nato da un’idea di Giorgio D’Amato e tenutosi tra ottobre 2016 ed aprile 2017. Tema degli incontri il dolore e, più specificamente, il dolore delle pazienti fibromialgiche. La narrazione delle proprie esperienze  - in quanto....

Porta-mi via da Poggioreale

Porta-mi via da Poggioreale

Visitate il borgo antico anche se dentro quello spazio vi sentirete dei fuorilegge Le porte e le finestre sono sempre un tramite situato in uno spazio neutrale. Tocca a noi stabilirne il senso e la possibilità di chiuderle o di renderle accessibili all'Altro Anche tra i ruderi del terremoto che nel '68 ha colpito la valle del belice possiamo immaginare uno spazio ancora....

I viaggi, la natura, la fotografia. Intervistiamo Valentina Brancaforte

I viaggi, la natura, la fotografia. Intervistiamo Valentina Brancaforte

La natura incontaminata e il viaggio, la narrazione e la ricerca di un equilibrio tra la dimensione umana o relazionale e il paesaggio sono il tratto distintivo della fotografia di Valentina Brancaforte. Catanese doc e frelance ci racconta la sua passione per la fotografia. Quando nasce la tua passione per la fotografia? 7 anni fa, per caso. Cercavo un’attività da poter....

Pozzanghera Day

Pozzanghera Day

Piove da Dicembre. L'anomalia riguarda il posto in cui ci troviamo. Siamo, infatti, a Palermo, una città progressivamente diventata piovosa, una specie di piccola Londra del sud. Nell'immaginario popolare, ad Aprile, Palermo si legava alla stagione dei gelati e delle granite, prodotti tipici che però in questa fase stentano a decollare, a vantaggio delle minestre che si....

Carica altre notizie