MENU ×
Guardare Fuori

Guardare Fuori

I vantaggi della quarta età: non vieni percepito come un soggetto produttivo e non vieni misurato in ciò che fai. I miei nonni stavano ore ed ore affacciati a guardare la via, il cortile, la realtà con le sue anomalie. Lo sguardo gettato fuori, a partire da un bagaglio di esperienze di vita, caratterizza la maggior parte delle persone anziane. E' un 'fuori'....

Penna in Buca. Rubrica di Viviana Stiscia. Sesta puntata: La figlia di Dio

Penna in Buca. Rubrica di Viviana Stiscia. Sesta puntata: La figlia di Dio

E poi giunse il tempo in cui il Signore, guardando in giù dall’alto dei cieli, pensò dovesse mandare nuovamente suo figlio sulla terra. Troppi secoli erano trascorsi e troppe cose c’erano da aggiustare. Rimandare ancora era impossibile. A quel punto lo chiamò e lui, svogliatamente, si presentò al Padre attendendone i comandamenti. Lassù il tempo....

Penna in Buca. Rubrica di Viviana Stiscia. Sesta  Puntata:  Tredici  Dicembre

Penna in Buca. Rubrica di Viviana Stiscia. Sesta Puntata: Tredici Dicembre

Era un 13 dicembre … Era un 13 dicembre, quando la nostra SuorAnna ci annunziò, mestamente, che una Consorella era passata a miglior vita. Margherita si chiamava e le margherite, di norma, appassiscono o tutt’al più, vengono spetalate in nome di un amore, se non mancato, umbratile. Ma quella non era appassita. SuorAnna Margherita, la SuorAnna delle....

Me (storia e foto ispirati da una passeggiata sul lungolago di Piana degli Albanesi)

Me (storia e foto ispirati da una passeggiata sul lungolago di Piana degli Albanesi)

 Mi riprendo la mia vita, piano piano le ali si stanno riabituando a spiegarsi per volare Mi ha spezzato le gambe, mi ha spezzato le ali. Dieci anni in apnea, una vita di inferno, senza pause. Poteva accadere da un momento all’altro che perdesse la pazienza e il controllo: una camicia fuori posto, il caffè più lungo del solito, le scarpe sporche di fango, un messaggio....

Di Rana in Rana

Di Rana in Rana

Per uno strano sortilegio una povera ragazza, di nome Algida, che in spregio al nome era una bambina solare, piena di vita e di speranze, per una colpa del padre era stata trasformata da una strega in rana. La maledizione, che doveva durare sino a quando la ragazza non fosse stata baciata da un principe, era alquanto singolare poiché la strega aveva statuito che il principe doveva essere....

Carica altre notizie