MENU ×
Anniversario della strage. Chi ci sarà e chi non ci sarà. Salutare o voltarsi dall'altra parte.

Anniversario della strage. Chi ci sarà e chi non ci sarà. Salutare o voltarsi dall'altra parte.

Salvini ha criminalizzato la solidarietà e conduce una battaglia quotidiana contro i luoghi della produzione della conoscenza e dell'impegno sui diritti di tutti. Questo errore gli impedirà di essere accolto a Palermo, nella data più importante della vita di questa città.   Come si fa a non salutare il ministro dentro l’aula bunker, un luogo simbolicamente forte, che non si presta ad....

La polarizzazione degli astani che si sono suicidati

La polarizzazione degli astani che si sono suicidati

I finti antifascisti e i finti fascisti popolano il web e fanno perdere tempo La polarizzazione a cui assistiamo ogni giorno sui social tra fascisti e antifascisti è interessante. I giornali di partito ci sguazzano perché possono soddisfare lo zoccolo duro dei loro lettori, lo zoccoletto nostalgico del vecchio modo di fare informazione, rimasto fedele all’acquisto del cartaceo nelle....

Il silenzio è d'oro

Il silenzio è d'oro

La morte oggi si fa brutta -  per scimmiottare il titolo di un film di successo-, si incunea nella rimozione del dolore, l’abbiamo segregata e deportata in un limbo in cui le parole si sprecano e perdono il senso della realtà. Le morti non sono tutte uguali. Si muore a causa delle malattie, di vecchiaia, per difendere un ideale, la patria, i diritti universali. Si muore per....

Auguri ai nostri lettori di un buon 2019

Auguri ai nostri lettori di un buon 2019

A Babbo Natale ho chiesto che tutti i cercatori d’oro decidano di diventare Elfi e che lui li assuma, naturalmente. Babbo Natale me lo ha promesso e io credo a Babbo Natale. Almeno lui non si candida! Che nel fondo di una ferita aperta ci sia una miniera d’oro è cosa certa. Come spiegare, altrimenti, quanta foga nel girar lame, quanta maestria nel renderle taglienti,....

Breve storia della prima, seconda, terza, quarta repubblica

Breve storia della prima, seconda, terza, quarta repubblica

I maestri e i discepoli: una relazione oggi ancora più complicata Nella cultura, per ragioni strutturali, tra maestri e discepoli si è sempre creata prima una simbiosi poi una cesura. I discepoli aderiscono progressivamente al pensiero del maestro in una complicità pedagogica che funziona perché i soggetti sono tutti in formazione e si sforzano di mantenere la relazione su basi....

Carica altre notizie