MENU ×
Penna in Buca. Mentre guardavo  (Rubrica di Viviana Stiscia)

Penna in Buca. Mentre guardavo (Rubrica di Viviana Stiscia)

Il calice del veleno è sempre colmo e oggi, 27 Gennaio 2019, Giornata della memoria, in tanti stanno bevendo

Mentre guardavo quei volti tesi, dagli sguardi torvi, che scorrevano in bianco e nero volgendosi su corpi come d’automi dai movimenti a scatti e surreali; mentre guardavo attratta e inorridita, alla ricerca di sembianze d’uomo dietro quegli occhi; in fondo mi confortava una certezza: quei tempi in bianco e nero erano andati, strappando a questa terra, a questa storia, quei volti tesi dagli sguardi torvi.

Mentre guardavo donne dalla vita stretta e dai larghi fianchi, dalle caviglie sottili e dai piedi smunti, ballare in equilibrio sopra i tacchi con uomini in impeccabile divisa e con loro bere dallo stesso bicchiere, scambiandosi i pensieri con quei loschi figuri dalle camice nere; in fondo mi confortava una certezza: mai più avrei rivisto quegli stessi tacchi conficcarsi nel viso tumefatto e gonfio di chi, sino ad allora, avevano osannato e portato in gran trionfo.

IMMAGINE

Mentre guardavo l’odio della gente comune conficcarsi negli occhi terrorizzati della comune gente, in fondo mi confortava una certezza: era passata quella terribile nottata; la consapevolezza di quella follia diffusa avrebbe impedito a chiunque di bere ancora quello stesso veleno da quella identica coppa. Il ricordo di quell’incubo avrebbe riconsegnato all’uomo l’umanità perduta.

Mentre guardo volti tesi, dagli sguardi torvi, tacchi a spillo andare a spasso con tipi loschi, travestiti in divisa; mentre guardo l’odio della gente comune conficcarsi negli occhi ormai a colori, eppur sempre terrorizzati di comune gente; ho perso anche quell’unica certezza. Il calice del veleno è sempre colmo e in tanti stanno bevendo  dalla stessa coppa, scambiandosi i pensieri con chi di quel fattaccio in bianco  e nero ha fatto un valido precedente e non un orrore da tatuare nella mente perché l’umanità, essenza dell’umana gente, non si smarrisca ancora tra i rivoli del niente.

Viviana Stiscia

Foto: Barcone della speranza arenato, Torre Salsa (Ag), Carlo Baiamonte